• Maurizio Polverini

Storie di Cocktails: #1 Il Negroni, Il vizio del Conte

Aggiornamento: 11 apr 2020

Ho deciso di aprire questa piccola rubrica sui cocktail per raccontarvi le storie legate ad alcuni dei drink che, ad oggi, siamo abituati a bere. Quando parliamo delle storie dei cocktails, difficilmente possiamo mettere la mano sul fuoco che esse siano vere al 100%, ma da un lato, vi dirò, è preferibile così. Questo blog nasce anche per essere trasportati dalle leggende.

Benvenuti a "Storie di Cocktails".


La Storia del Cocktail Negroni.


Siamo in un giorno imprecisato nell'anno 1919, poco più di cent'anni fa, in uno dei bar più frequentati di Firenze, il bar Casoni.

La leggenda narra che il conte Camillo Negroni, nobile di famiglia e di animo, prese spunto da un cocktail già esistenze per delineare, ai tempi, la miscela della bevanda per lui perfetta.

Nel bar Casoni, a tale Fosco Scarselli, amico del conte nonché barman di fiducia, non restò che pendere dalle labbra del conte e soddisfare quanto da lui richiesto: "un Americano con una leggera spintarella in più".

L'Americano era un cocktail si dice ispirato al pugile Primo Carnera, statunitense di adozione (da qui il soprannome) ma veneto di nascita, che vinse nel 1934 il campionato dei pesi massimi. Sebbene le date non coincidano con la nostra storia, la versione rimane comunque affascinante. Ma c'è dell'altro..

 

Forse ti può interessare (apre una nuova pagina):

Quanto costa davvero produrre un drink al locale?
Corso Excel per Locali: Analysis of Bar Manager
Storie di Cocktails: La Storia del Margarita narrata da Mattia Pierciballi
 

Più probabilmente l'Americano nasce in Italia alcuni anni prima, unendo i prodotti più forti del Bel Paese, il bitter Campari ed il Vermouth di Torino, bevuto poi all'americana, quindi con tanto ghiaccio ed uno splash di Soda.

Negroni, il conte, ebbe l'idea di rinforzare l'Americano con una piccola aggiunta di Gin ai danni della Soda, rendendo il cocktail decisamente più sferzante.A Fosco Scarselli non rimase che acconsentire.

Divenuta un'abitudine quasi giornaliera, il conte ed il suo drink, "il cocktail del conte Negroni", la voce si sparse e la bevanda conquistò pian piano sempre più adepti alla sua causa.


"Vorrei il cocktail del conte"

"Negroni?"

"Sì, grazie"



Ad oggi la ricetta è proposta in un bicchiere da 250ml, gli ingredienti non sono cambiati da 100 anni a questa parte:


Preparazione in Build (costruzione diretta all'interno del bicchiere), versate con il metal pour o il jigger (potete trovarli QUI) le seguenti dosi.

30ml Gin London Dry

30ml Vermouth di Torino

30ml Bitter Campari

Decorazione, una fetta di arancia.


Ma quanto costa davvero un Negroni? Scoprilo QUI

Ti è piaciuto questo post?

Lascia un like e condividilo su Facebook con il pulsante in basso!


#storiedicocktails #cocktails

410 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti